Manifesta 2018

Manifesta

Se all’interno del panorama dell’arte contemporanea l’Italia appare come una presenza ancora debole rispetto a quella di molti altri paesi, un momento di riscatto potrebbe arrivare da un evento di forte rilevanza internazionale.

Si tratta della dodicesima edizione dell’unica biennale itinerante, Manifesta, che dopo la prossima edizione di Zurigo del 2016, che verrà curata da Christian Jankowski, sbarcherà niente meno che nel capoluogo siciliano.

Per Palermo sarà, dunque, un’ottima occasione per risollevarsi e poter finalmente aprire le porte a quel percorso di crescita culturale che così tanto meriterebbe e che potrebbe inserirla a pieno titolo tra le capitali della cultura.
Certo la sola biennale non basterà, ma potrà essere – per l’appunto – l’inizio di un nuovo modo di intendere l’arte e la città stessa. Una città che ha dalla sua un passato e una ricchezza storico-artistica dall’enorme potenziale, ma che dovrebbe imparare a valorizzare maggiormente anche quei piccoli fari che sono, ad esempio, il Museo Riso o la ZAC (Zisa Zona Arti Contemporanee), che negli ultimi anni hanno tanto sofferto.

Entrambe saranno, tra l’altro, due delle sedi espositive interne all’evento. Che conterà anche sul complesso monumentale dello Spasimo, la GAM, l’Ecomuseo del Mare e la Favorita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...